Abruzzo, la magica danza delle gru nella piana del Fucino

PESCARA – Una scena carica di magia e di boccacciana memoria quella che l’appassionato birdwarcher Stefano Scivola ha immortalato in pieno Fucino: nove gru intente nella loro famosa danza prima di ripartire verso il grande Nord dove nidificano. A rendere ancora più unica la già rara immagine il castello di Celano sullo sfondo. A darne notizia è la Soa (Stazione ornitologica abruzzese) che in una nota spiega: “le segnalazioni di questo grande volatile sono sempre più frequenti, un po’ per l’effettivo aumento numerico un po’ grazie alla diffusione delle tecnologie digitali che permettono di scattare e scambiare foto e video in tempo reale”.

“Le gru- aggiunge il birdwatcher- non possono passare certo inosservate in una zona piatta come il Fucino. Emettono versi udibili a grande distanza e quindi, una volta localizzate, ho potuto scattare queste foto in cui si osservano alcuni individui adulti, dalla colorazione grigio cenere, e diversi giovani, dal piumaggio brunastro. Ora sono ripartite ma è stata una grande emozione poterle osservare da vicino e a terra, dove hanno accennato anche qualche passo della loro ‘danza’ per cui sono famose”. Si tratta di una specie iconica di cui tutti hanno almeno sentito parlare studiando a scuola la novella di Boccaccio, ‘Chichibio e la gru’. “Questa specie- commenta Massimo Pellegrini, presidente della Soa- di solito si vede passare in volo in grandi stormi; molto più difficile vederle sul terreno perché hanno bisogno di estese pianure per scendere a terra al fine di riposare e alimentarsi durante i loro spostamenti migratori che possono raggiungere i 3-5.000 km. In Abruzzo hanno svernato raramente; qualche anno fa alcuni individui rimasero per oltre un mese nella piana di Opi nel Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. Purtroppo- sottolinea- nel periodo invernale la gran parte delle pianure nei fondovalle è aperta all’attività venatoria per cui il disturbo non consente agli animali di sfruttare questi spazi. Certo, basta guardare queste foto per capire che spettacolo perdiamo. Per evitare forme di disturbo abbiamo diffuso la notizia solo dopo la loro partenza verso le aree di nidificazione. Fortunatamente sono sempre di più le persone come Stefano che hanno deciso di osservare questi bellissimi animali non dal mirino di un fucile ma da quello di una macchina fotografica”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Abruzzo, la magica danza delle gru nella piana del Fucino proviene da Ragionieri e previdenza.

leggi tutto l’articolo sul sito della fonte

ARTICOLI RECENTI

‘Il Betta e la Betta’, il nuovo romanzo di Roberto Cristiano

di Giuseppe Turiaco ‘Il Betta e la Betta’ è il titolo del nuovo  romanzo del cavaliere Roberto Cristiano. Per entrare nella trama, e  nella narrativa...

Matacena (commercialisti), focus sul bilancio consolidato degli enti locali

L’Odcec di Napoli Nord analizza anche le responsabilità degli organi di revisione “Il PNRR guida un ambizioso progetto di riforma a 360° di tanti profili...

Firenze, tensione al presidio dopo la morte del giovane rider: contestati Giani e Cgil

FIRENZE – La piazza di Firenze per dire no al cottimo, a un lavoro senza tutele, mal pagato, quella convocata dalla Cgil dopo la...

A Bologna arriva una sigaretta-tunnel di 20 metri per smettere di fumare

Smetti di fumare, insomma “Esci dal tunnel”. E un tunnel c’è davvero: una grande sigaretta, lunga 20 metri e alta due, da attraversare per...

Sesso dopo il cancro, nasce uno Sportello di ascolto gratuito

ROMA – Nasce il primo sportello di orientamento psicologico e medico dedicato al tema della sessualità dopo il cancro. Lo ha annunciato l’associazione Mamanonmama,...

Potrebbero interessarti...