Amazon informa sulla “realtà dei fatti”: “I dipendenti sono al primo posto”

BOLOGNA – La responsabile di Amazon in Italia, Mariangela Marseglia, scrive ai clienti del colosso dello shopping online invitati dai sindacati oggi in sciopero a non fare acquisti sulla piattaforma per tutto il giorno in segno di solidarietà con i lavoratori. “I fatti sono che noi mettiamo al primo posto i nostri dipendenti e quelli dei fornitori terzi offrendo loro un ambiente di lavoro sicuro, moderno e inclusivo, con salari competitivi tra i più alti del settore, benefit e ottime opportunità di crescita professionale”, rivendica la manager. “Essere l’azienda più attenta al cliente al mondo significa anche informarvi sulla realtà dei fatti, soprattutto quando questi rischiano di non emergere adeguatamente, per continuare a meritarci la vostra fiducia”, scrive Marseglia provando a ribaltare la narrazione dei sindacati, che protestano per le condizioni di lavoro non solo degli addetti dei magazzini, ma dai lavoratori di tutta la filiera, compresi gli autisti in prima linea per le consegne a domicilio.

LEGGI ANCHE: Amazon, fabbrica di lavoro o di precarietà?

“In Amazon rispettiamo il diritto di ogni individuo ad esprimere la propria posizione e voglio ringraziare personalmente i colleghi e i dipendenti dei fornitori dei servizi di consegna che ogni giorno lavorano per assicurare che possiate ricevere i vostri ordini”, assicura facendo riferimento allo sciopero di oggi. “L’emergenza sanitaria tuttora in corso ha avuto un grande impatto sulla vita di tutti noi. Prendiamo molto sul serio il nostro compito di continuare a fornirvi un servizio utile, così come quello di proteggere la salute e la sicurezza di tutto il nostro personale, permettendovi di acquistare e ricevere i prodotti di cui avete bisogno restando a casa il più possibile”, garantisce Marseglia.

“Il nostro impegno nei confronti dei nostri dipendenti non si ferma. Continueremo ad assicurarci che tutto il nostro personale sia adeguatamente protetto, monitoriamo i cambiamenti e aggiorniamo costantemente le misure preventive giorno per giorno. Offriamo test gratuiti e supporteremo in tutti i modi il piano di vaccinazione, appena sarà possibile, per far sì che ogni persona che frequenti i nostri siti venga adeguatamente assistita”, annuncia la responsabile italiana della multinazionale di Jeff Bezos, invitando i clienti a consultare sul sito di Amazon per “saperne di più sul nostro impegno per i nostri dipendenti e i dipendenti dei nostri fornitori”.

LEGGI ANCHE: Sciopero Amazon, lettera ai consumatori: “Ci fermiamo per rispetto del lavoro”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Amazon informa sulla “realtà dei fatti”: “I dipendenti sono al primo posto” proviene da Ragionieri e previdenza.

leggi tutto l’articolo sul sito della fonte

ARTICOLI RECENTI

Entrano in vigore le nuove regole per i congedi parentali: ecco le novità

“Da oggi entrano definitivamente a regime i nuovi congedi parentali. Un passo importante verso una genitorialità equamente condivisa, un uso paritario del tempo e...

Aimo: “No a messaggi fuorvianti su cornee artificiali”

ROMA – “L'Associazione Italiana Medici Oculisti desidera fare delle precisazioni riguardo agli articoli sensazionalistici apparsi sulla stampa in merito ai risultati dello studio sulle...

Lombardia regione più colpita da vaiolo delle scimmie, 283 contagi

ROMA – In Italia non si ferma la crescita del numero dei contagi di vaiolo delle scimmie. Secondo l'ultimo bollettino del ministero della Salute,...

La Cgil di Rimini: “Qui nel commercio e nel turismo si lavora anche per un euro all’ora”

BOLOGNA – A Rimini “il grave sfruttamento lavorativo, più che in agricoltura, lo ritroviamo in certi negozi, ristoranti e alberghi dove si lavora anche...

Elezioni, Bassetti: “I positivi al Covid possono votare indossando la mascherina Ffp2”

ROMA – “Nei giorni prossimi al voto non vorrei trovarmi in un momento in cui magari sono ripresi i contagi da Covid e c'è...

Potrebbero interessarti...