Brasile, De Masi: non colpa dei social, politica rimasta indietro

Il sociologo ad askanews: Bolsonaro ha americanizzato il Paese

Milano, 9 gen. (askanews) – “Di colpi di Stato ce ne sono stati prima, molti di più percentualmente di quanti ce ne siano oggi. Bisogna tenere conto che ormai lo scacchiere geopolitico è abitato da 196 Paesi, quindi molti di più di quanti non ce ne fossero 50 o 100 anni fa. Quindi non credo che si possa imputare ai social media e ai nuovi media che ci siano queste, diciamo così, esuberanze negative della democrazia. Bisogna tenere conto del fatto che il 96% dei brasiliani, che sono 211 milioni, ha un cellulare e il 74% è abbonato a Internet”. Lo ha detto ad askanews il sociologo Domenico De Masi, con cui abbiamo commentato le vicende dell’assalto al Parlamento e ai palazzi del potere brasiliano da parte dei sostenitori dell’ex presidente Bolsonaro, che si sono organizzati sfruttando massicciamente gli strumenti della tecnologia.

“L’esuberanza informatica del Brasile – ha aggiunto il professore – è un’altra delle dimostrazioni della modernità di questo Paese. D’altra parte, se già qualcosa di molto simile era successo negli Stati Uniti d’America non ci meraviglia che succeda anche in Brasile, dove la dittatura militare è stata imperante per 20 anni, tra il 1964 e il 1984. Quindi praticamente tutti quelli che hanno più di 40 anni sono nati sotto la dittatura militare e sono stati educati in quel contesto. E poi si deve tenere conto del fatto che durante i quattro anni di governo di Bolsonaro si è fatta un’ampia pubblicità alle armi e all’uso delle stesse. Sotto questo aspetto Bolsonaro ha ‘americanizzato’ il Brasile molto di più di quanto non si fosse fatto prima”.

De Masi poi ha allargato il ragionamento a limiti e pregi di una democrazia più diretta: “Ciò che crea la democrazia – ci ha detto – sono tre aspetti, che noi in sociologia chiamiamo ‘agenzie di socializzazione’: la famiglia, la scuola e i media. Questi ultimi sono stati aggiunti da poco e sono stati il telefono, la radio, la televisione, ora internet e tra poco ci sarà anche l’intelligenza artificiale. Quindi abbiamo sistemi nuovi che consentirebbero una democrazia sempre più diretta, sempre meno mediata”.

“Questa volta sono stati gli scienziati e non i politologi che ci hanno messo in grado di avere una democrazia diversa, più immediata e partecipativa – ha concluso Domenico De masi -. I politologi sono invece in ritardo”.

leggi tutto l’articolo sul sito della fonte

ARTICOLI RECENTI

Rischio dimissioni per 150 piccoli pazienti del centro Aias di Afragola

ROMA – Rischio dimissioni per bambini disabili all’Aias di Afragola, stando ad una circolare affissa dal centro di riabilitazione, circa 150 piccoli pazienti potrebbero...

Nissan Futures: dal 4 febbraio all’1 marzo il futuro della mobilità

Presentato Max-Out, concept cabrio 100% elettrico Milano, 2 feb. (askanews) - Dal 4 febbraio al 1° marzo, presso la Nissan Global Headquarters Gallery, si terrà...

Va in scena “Closer”, dal 9 febbraio al Teatro Argot Studio di Roma

Commedia drammatica su relazioni sociali, tratta da pluripremiato testo di Marber Roma, 2 feb. (askanews) - Quando i legami raccontano intrighi e falsità per nascondere...

Don Davide Banzato: Un Mondo non umano. Un perdono che sembra ingiusto

Riflessione del sacerdote di Nuovi Orizzonti: Dalla morte di Thomas ad Alatri alle atroci violenze di Emelda in Africa Roma, 2 feb. (askanews) - Lunedì...

Cospito, Meloni: 41 bis non dipende da me ma lo Stato non tratta

"Cospito già graziato nel 1991, poi è andato a sparare..." Milano, 2 feb. (askanews) - La decisione sulla revoca del 41 bis non spetta al...

Potrebbero interessarti...