Conte (Leu): Mezzogiorno protagonista per una nuova sfida europea

All’evento sono intervenuti il sindaco Manfredi con i ministri Orlando e Speranza

“Napoli può essere la capitale di un nuovo Sud e da Napoli può ripartire una proposta politica che guardi al Mezzogiorno e al Mediterraneo come una nuova opportunità per l’intero continente.

I nostri porti potrebbero diventare un hub strategico per intercettare il traffico commerciale e farlo passare attraverso i porti del Sud. Sarà una opportunità non solo per l’Italia ma per l’Europa intera che può riequilibrare lo sviluppo verso i continenti nuovi visto che verso Est ci sono problemi, così come si vede dalla crisi dei rapporti tra Russia e Ucraina”.

Lo ha detto Federico Conte, deputato di Liberi e uguali nella sala delle conferenze della Camera di commercio di Napoli, a conclusione dei lavori dell’Agorà democratica, un vero forum programmatico sul Mezzogiorno, che ha coordinato e organizzato, dal titolo “L’Italia mediterranea”.

“Si parla più delle opportunità di Napoli e del Mezzogiorno in Europa che a Napoli e nel Mezzogiorno – ha continuato Conte -. Dobbiamo recuperare la consapevolezza dei nostri mezzi, delle nostre potenzialità e organizzarci per renderli un’opportunità concreta”.

Il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, intervenendo da remoto all’evento, ha sottolineato che “l’Europa ha deciso di investire sul proprio Mezzogiorno, si tratta di capire se l’Italia ha deciso fino in fondo di investire sul proprio Mezzogiorno.

La risposta se guardiamo i numeri è sì, ma i numeri non bastano, perché c’è un tema enorme di mettere le amministrazioni nelle condizioni di vincere questa sfida”.

“Io penso – ha proseguito – che questa grande massa di investimenti può consentire di creare procedure, forme organizzative che rimangano anche dopo il Pnrr. Si tratta di capire se siamo in grado in qualche modo di aggiustare il treno mentre il treno sta correndo, mentre non ci si può fermare”.

Secondo il ministro della Salute, Roberto Speranza, “le risorse del Pnrr consegnano una grande finestra di opportunità al nostro Paese, che vogliamo provare a spendere in modo intelligente per trasformare la crisi di questi anni in reale opportunità di crescita e sviluppo.

Questo orizzonte – sottolinea il ministro – è vero per l’Italia, ma è particolarmente vero per il Mezzogiorno, che vive una stagione di opportunità che non possiamo permetterci di non utilizzare al meglio delle nostre potenzialità.

E’ un’occasione davvero senza precedenti, che vale per tutti gli ambiti, penso alle diseguaglianze materiali, infrastrutturali, penso alle potenzialità di sviluppo in materia di ambiente, di ecosostenibilità, della cultura e del turismo e penso, in particolare, alla straordinaria opportunità che abbiamo di recuperare una migliore qualità dei servizi sanitari nel Mezzogiorno”.

Al convegno, moderato dalla consigliera regionale Bruna Fiola, ha introdotto i lavori il sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi e hanno partecipato, tra gli altri, l’eurodeputato Andrea Cozzolino, i parlamentarti Rina De Lorenzo, Paolo Siani e Umberto del Basso De Caro.

ARTICOLI RECENTI

Mattarella a comunità italiana in Svizzera: “amicizia forte”

Grazie a voi il legame tra i nostri Paesi è più intenso. Scelta ideale incontravi prima di tutti Berna, 28 nov. (askanews) - "È significativo...

Ischia, Letta: governo faccia governo, lavori e meno divisioni

"Basta a qualunque logica di protezione dell'abusivismo edilizio" Bruxelles, 28 nov. (askanews) - "L'invito al governo è di fare il governo: lavorare, parlare meno, dividersi...

In Sicilia nuova allerta meteo arancione, chiudono le scuole

PALERMO – L’allerta meteo arancione diramato dalla Protezione civile per la giornata di domani in Sicilia ha messo in allarme diversi sindaci dell’Isola, che...

FOTO | VIDEO | A Casamicciola dopo la frana è cambiato anche il mare

NAPOLI – Quale sia stata la forza travolgente della frana che, a un paio d’ore dall’alba di sabato scorso, si è abbattuta su una...

Esuberi alla Electrolux, i sei stabilimenti coinvolti

ROMA – Annunciati esuberi alla Electrolux. La Fiom Cgil comunica “i numeri di eccedenze derivanti dal piano di contenimento dei costi e dal calo...

Potrebbero interessarti...