Cooperazione, le ong lombarde: “Se non esistesse, che mondo sarebbe?”

Array

ROMA – Come sarebbe il mondo senza la cooperazione internazionale: è lo domanda a cui prova a rispondere, con dati e soprattutto testimonianze, una campagna proposta da CoLomba, rete composta da 42 organizzazioni della società civile della Lombardia.”In questi mesi in cui il mondo è diventato più piccolo per via della pandemia di Covid-19- sottolinea in una nota Alfredo Somoza, presidente di CoLomba- pensiamo sia importante ribadire il ruolo di ponte tra i diversi popoli della terra che storicamente hanno svolto le ong di cooperazione e le associazioni di solidarietà internazionale”.

Secondo Somoza, “è ormai evidente a tutti che nessuno si salva da solo e che la lotta alla povertà, per il diritto alla salute e all’educazione, per la pace siano aspirazioni che ci accomunano”. Il presidente continua: “Le ong e le associazioni che fanno parte di CoLomba lavorano da decenni per affermare questi principi e con questa campagna vogliamo parlare del nostro lavoro, farlo conoscere, coinvolgere i cittadini in un’impresa di portata globale. Tutti i nostri progetti, in Italia e nel Sud del mondo contribuiscono a dare una prospettiva, a tracciare una strada di cooperazione reciproca, ad alimentare la speranza che sia possibile, insieme, costruire un mondo più giusto e più sostenibile”.

Nella nota si riferiscono alcuni numeri che aiutano a definire il mondo in cui la cooperazione opera. “Quasi il 13 per cento della popolazione mondiale vive con meno di 1,90 dollari al giorno, percentuale che corrisponde, in valori assoluti, a 902 milioni di persone”, si legge nel comunicato. “Questi sono solo alcuni dati che danno il quadro della disuguaglianza tra Nord e Sud del mondo, causa di guerre, violenza, crisi economiche e sociali che hanno inevitabili ricadute su tutti i paesi. Un mondo così diviso alimenta guerre, violenza, crisi economiche e sociali che si riversano su tutti i Paesi”.

Secondo CoLomba, però, questa situazione “può essere contrastata oltre che con politiche e riforme mirate, che spettano ai decisori politici nazionali e internazionali, con le azioni e le misure collettive promosse anche dalla società civile”. Secondo le ong che promuovono la campagna, “la cooperazione internazionale, impegnata su molti fronti per ridurre le disuguaglianze e migliorare le condizioni delle aree più vulnerabili del mondo, viene talvolta dimenticata da media e opinione pubblica”. CoLomba conclude: “Spesso sono i pregiudizi e le fake news che prendono il sopravvento e fanno sì che il vero valore della cooperazione internazionale sia sconosciuto ai più. Ma che mondo sarebbe se non esistesse? È su questo che la campagna di CoLomba vuole far riflettere”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Cooperazione, le ong lombarde: “Se non esistesse, che mondo sarebbe?” proviene da Ragionieri e previdenza.

leggi tutto l’articolo sul sito della fonte

ARTICOLI RECENTI

Figliuolo alle Regioni: da lunedì anche i 40enni potranno prenotare il vaccino

ROMA – “Nell'ambito del monitoraggio del piano vaccinale, che sta registrando un buon andamento su scala nazionale delle somministrazioni in favore delle categorie prioritarie...

Covid, il Senato approva l’emendamento che limita la responsabilità penale dei sanitari

ROMA – “Il Senato ha appena approvato un emendamento particolarmente atteso dal mondo medico e sanitario e che ha visto impegnati insieme il ministero...

Dallocchio si sfila dalla rosa dei candidati sindaco a Milano: “Insegno, non cambio idea”

Di Nicolò Rubeis MILANO – “Dico con sincerità che la mia attività universitaria fa sì che sia talmente preso e coinvolto che non penso proprio...

Isole sarde Covid-free: venerdì si parte da La Maddalena

CAGLIARI – Sono oltre 7.000 le persone residenti o stabilmente domiciliate nell'isola di La Maddalena che nelle giornate del 14, 15 e 16 maggio...

Ema conferma: “Sì alla seconda dose Pfizer dopo 40 giorni”

di Alessio Pisanò BRUXELLES – La proposta italiana di somministrare la seconda dose del vaccino Pfizer-BioNTech dopo 40 giorni dalla prima incontra il benestare dell'Agenzia...

Potrebbero interessarti...