mercoledì, Novembre 29, 2023

ChargeGuru-Zeplug, leader europeo infrastrutture ricarica elettrica

Domanda crescente di servizi di ricarica Roma, 28 nov. (askanews)...

Expo 2030, Conte: Meloni spieghi disinvestimento politico su Roma

La candidatura ha racimolato appena una manciata di voti” Roma,...

Violenza donne, presentato al Senato progetto “Pronto Scuola amica”

Ideato dalla scuola IPSEOA Tor Carbone – A. Narducci...

Coppa Davis 2023, Sinner: “Rivincita con Djokovic? Ora penso solo all’Olanda”

Dall'Italia e dal MondoCoppa Davis 2023, Sinner: “Rivincita con Djokovic? Ora penso solo all’Olanda”

(Adnkronos) –
Primo allenamento per Jannik Sinner a Malaga, sede della final eight di Coppa Davis 2023. L’azzurro sarà il punto di riferimento per l’Italia sia in singolare che in doppio nella sfida di giovedì contro l’Olanda (ore 10, in diretta su Sky Sport e in streaming su NOW). 

Rivincita con Djokovic? “Siamo ancora lontani da un’eventuale semifinale, prima dobbiamo stare sul pezzo giovedì – ha detto Sinner, al microfono di Sky Sport, a due giorni dal match con l’Olanda, valido per i quarti di finale di Coppa Davis – Al momento sono focalizzato su quello, poi vedremo come andrà. Non dobbiamo dare nulla per scontato. I singolaristi dell’Olanda sono da campi indoor come questi a Malaga, vengono dal picco della loro stagione e servono molto bene. Inoltre hanno anche un doppio ottimo. Speriamo che ci sia molto tifo, invito tutti gli italiani che amano il tennis a venire e a darci una mano”. 

Sinner è arrivato ieri a Malaga. “Sono contento di essere qua -ha sottolineato il 22enne altoatesino – L’ultima settimana è stata molto positiva per me, ma ora ce n’è un’altra con un grande obiettivo per tutta la squadra. Siamo tutti stanchi a fine stagione, ma proprio per questo ci daremo tanta energia a vicenda e questa è la parte fondamentale della squadra. Abbiamo tante scelte da mettere in campo e poi vedremo come va. Abbiamo una squadra ottima, purtroppo non c’è Matteo (Berrettini, ndr), ma siamo forti. Ci sono quattro singolaristi tra cui scegliere a seconda delle loro condizioni, dello stato di forma e dei campi. Nel doppio possiamo mischiare le coppie, ma la parte fondamentale sarà l’unione tra di noi. C’è sempre stata, nella nostra testa sappiamo di essere tra i favoriti. Sarà importante la gestione, dovremo dare il 100%”. 

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles