Coronavirus: Amitrano, ‘spesa sospesa’ per aiutare i più deboli

Array

“Lancio un appello: chi può paghi anche una ‘spesa sospesa’ per i più deboli. Basta lasciare una spesa pagata, piccola o grande, alle casse. Le persone più in difficoltà, come gli anziani, che si recheranno al supermercato o nelle botteghe per fare la spesa già preventivata possono così informarsi se c’è qualche prodotto già pagato da altri clienti. Io ho iniziato oggi a lasciare la mia prima ‘spesa sospesa’”.

Lo ha annunciato il deputato napoletano Alessandro Amitrano (M5s), che spiega: “E’ un momento di grande difficoltà ed ogni gesto di solidarietà può essere d’aiuto. Acquistare dei beni di prima necessità come scatolame, pane, latte, pasta, frutta, in più oltre alla spesa per la propria famiglia e lasciarli da parte per aiutare chi ha più bisogno – ha detto – è un gesto etico che contribuisce a rafforzare il nostro senso di comunità. Tante più ‘spese sospese’ ci saranno, tanto più riusciremo a stare vicino a chi ha bisogno”.

ARTICOLI RECENTI

Figliuolo alle Regioni: da lunedì anche i 40enni potranno prenotare il vaccino

ROMA – “Nell'ambito del monitoraggio del piano vaccinale, che sta registrando un buon andamento su scala nazionale delle somministrazioni in favore delle categorie prioritarie...

Covid, il Senato approva l’emendamento che limita la responsabilità penale dei sanitari

ROMA – “Il Senato ha appena approvato un emendamento particolarmente atteso dal mondo medico e sanitario e che ha visto impegnati insieme il ministero...

Dallocchio si sfila dalla rosa dei candidati sindaco a Milano: “Insegno, non cambio idea”

Di Nicolò Rubeis MILANO – “Dico con sincerità che la mia attività universitaria fa sì che sia talmente preso e coinvolto che non penso proprio...

Isole sarde Covid-free: venerdì si parte da La Maddalena

CAGLIARI – Sono oltre 7.000 le persone residenti o stabilmente domiciliate nell'isola di La Maddalena che nelle giornate del 14, 15 e 16 maggio...

Ema conferma: “Sì alla seconda dose Pfizer dopo 40 giorni”

di Alessio Pisanò BRUXELLES – La proposta italiana di somministrare la seconda dose del vaccino Pfizer-BioNTech dopo 40 giorni dalla prima incontra il benestare dell'Agenzia...

Potrebbero interessarti...