Coronavirus in Italia, l’aggiornamento della Protezione Civile

Il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli ha comunicato i nuovi dati, aggiornati al 16 marzo, sulla progressione dell’epidemia da coronavirus in Italia. Complessivamente il numero di casi totali di contagio è di 27980 persone. Un numero che include le 23073 persone attualmente positive, i 2749 pazienti guariti e le 2158 persone decedute.

Ad oggi le persone ricoverate sono 11025 con sintomatologia SARS-CoV-2 correlata, 1851 i pazienti in terapia intensiva, 10197 quelli in isolamento domiciliare. Sono 137962 i tamponi effettuati in Italia dall’inizio dell’epidemia.

Mancano nel conteggio odierno i nuovi dati dalla Puglia e dalla provincia autonoma di Trento, ha spiegato Borrelli: «Ma come vedete anche dai dati della Lombardia, il trend è in ribasso, registriamo questo dato».

I pazienti attualmente positivi regione per regione

In base ai dati ufficiali della Protezione Civile, il numero di persone al momento positive al SARS-CoV-2 è così distribuito di regione in regione:

  • 10861 in Lombardia
  • 3088 in Emilia Romagna
  • 2274 in Veneto
  • 1185 nelle Marche
  • 1405 in Piemonte
  • 841 in Toscana
  • 575 in Liguria
  • 602 in Trentino Alto-Adige
  • 472 nel Lazio
  • 346 in Friuli Venezia Giulia
  • 363 in Campania
  • 212 in Puglia
  • 203 in Sicilia
  • 165 in Abruzzo
  • 159 in Umbria
  • 87 in Calabria
  • 105 in Sardegna
  • 103 in Valle d’Aosta
  • 15 in Molise
  • 12 in Basilicata

ARTICOLI RECENTI

Viminale: “Il killer di Nizza non era mai stato segnalato da Tunisi o da 007”

AGI – Brahim Aouissaoui, il 21enne tunisino che ha sgozzato tre persone, una di loro è stata decapitata, nella cattedrale di Notre-Dame a Nizza,...

Milano, racconto della escort spinta dalla finestra: «Voleva uccidermi, il vicino invece di aiutarmi filmava»

Parla la trentenne russa aggredita ad agosto dal 27enne rapinatore "seriale» in un palazzo a Porta Venezia: "Mi ha spruzzato addosso lo spray al...

Il ministro dell’Interno francese: “Siamo in guerra contro l’ideologia islamista”

AGI – “Siamo in guerra”. Lo ha affermato il ministro dell'Interno, Gerald Darmanin, il giorno dopo l'attacco di Nizza. “In guerra contro un nemico...

L’austerity accettabile che ci siamo lasciati scappare

Continua a leggere sul sito di riferimento L'articolo L'austerity accettabile che ci siamo lasciati scappare proviene da Notiziedi. leggi tutto l'articolo sul sito...

Coronavirus Milano, non c’è spazio nelle aule: la classe si trasferisce al Museo della Scienza

L'istituto Cavalieri, con elementari e medie, ha iniziato un ciclo di lezioni nei laboratori. In cattedra educatori scientifici e insegnanti della scuola. L'emergenza Covid...

Potrebbero interessarti...