Corse clandestine un ‘ricco’ business per la criminalità

Le corse clandestine sono, in Italia, da sempre un ‘ricco’ business della criminalità, che da anni si è abilmente infiltrata in questo settore. E solo di poche ore fa un blitz portato a segno dalla polizia che in Sicilia ha bloccato due calessi e due cavalli e denunciato tre persone, mentre stavano effettuando una corsa nel parco della Favorita di Palermo.Un fenomeno ben radicato anche in Calabria, con i boss della ‘ndrangheta legati a settore da passione e affari.

Quanto all’ultima operazione siciliana gli agenti dei commissariati Mondello e San Lorenzo sono intervenuti lungo il viale della Favorita,

Continua a leggere sul sito di riferimento

L’articolo Corse clandestine un ‘ricco’ business per la criminalità proviene da Notiziedi.

leggi tutto l’articolo sul sito della fonte

ARTICOLI RECENTI

Viminale: “Il killer di Nizza non era mai stato segnalato da Tunisi o da 007”

AGI – Brahim Aouissaoui, il 21enne tunisino che ha sgozzato tre persone, una di loro è stata decapitata, nella cattedrale di Notre-Dame a Nizza,...

Milano, racconto della escort spinta dalla finestra: «Voleva uccidermi, il vicino invece di aiutarmi filmava»

Parla la trentenne russa aggredita ad agosto dal 27enne rapinatore "seriale» in un palazzo a Porta Venezia: "Mi ha spruzzato addosso lo spray al...

Il ministro dell’Interno francese: “Siamo in guerra contro l’ideologia islamista”

AGI – “Siamo in guerra”. Lo ha affermato il ministro dell'Interno, Gerald Darmanin, il giorno dopo l'attacco di Nizza. “In guerra contro un nemico...

L’austerity accettabile che ci siamo lasciati scappare

Continua a leggere sul sito di riferimento L'articolo L'austerity accettabile che ci siamo lasciati scappare proviene da Notiziedi. leggi tutto l'articolo sul sito...

Coronavirus Milano, non c’è spazio nelle aule: la classe si trasferisce al Museo della Scienza

L'istituto Cavalieri, con elementari e medie, ha iniziato un ciclo di lezioni nei laboratori. In cattedra educatori scientifici e insegnanti della scuola. L'emergenza Covid...

Potrebbero interessarti...