Covid, scatta ancora la zona rossa a Bono (Sassari)

CAGLIARI – Un altro Comune della Sardegna piomba in zona rossa. Si tratta di Bono, cittadina nel sassarese tra le più colpite dalla pandemia, che era uscito dal lockdown il sei marzo scorso. Ad annunciare le nuove restrizioni, valide fino al sei aprile, è il sindaco, Elio Mulas, che questa mattina ha emanato l’ordinanza, spiega, “dopo una lunga discussione con il Prefetto di Sassari, il responsabile covid per il nord Sardegna e il direttore generale dell’assessorato alla Sanità. Sappiamo di chiedere un ennesimo, dolorosissimo, sacrifico a tante famiglie e tante attività- le parole del primo cittadino- e ci auspichiamo che la Regione ci possa supportare una volta che, terminata l’emergenza sanitaria, dovremo affrontare l’emergenza economica”.

Con Bono, salgono a sei i Comuni sardi attualmente in zona rossa: Uri (Sassari), Sindia (Nuoro), Samugheo (Oristano), Sarroch (Città metropolitana di Cagliari) e Golfo Aranci (Gallura).

L’ORDINANZA

Cosa prevede l’ordinanza di Mulas? Nel dettaglio, da oggi sarà vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dal territorio comunale, “salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute. È consentito svolgere individualmente attività motoria in prossimità della propria abitazione purché comunque nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona e con obbligo di utilizzo di dispositivi di protezione delle vie respiratorie. È altresì consentito lo svolgimento di attività sportiva esclusivamente all’aperto e in forma individuale”.

Ancora, sono sospese le attività dei servizi educativi dell’infanzia, “mentre le attività scolastiche e didattiche delle scuole di ogni ordine e grado si svolgono esclusivamente con modalità a distanza. Resta salva la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l’uso di laboratori o in ragione di mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali”. Sospese anche le attività commerciali al dettaglio, “fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità, sia negli esercizi di vicinato sia nelle medie e grandi strutture di vendita, anche ricompresi nei centri commerciali, purché sia consentito l’accesso alle sole predette attività e ferme restando le chiusure nei giorni festivi e prefestivi”.

Specifica ancora l’ordinanza: “Resta consentito il commercio al dettaglio di fiori, piante, bulbi, semi e fertilizzanti, mentre sono sospesi il commercio ambulante e del mercato settimanale, e la frequenza delle attività formative e curriculari delle università e delle istituzioni di alta formazione artistica musicale e coreutica. Sospese anche le attività inerenti servizi alla persona, restano aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie e le parafarmacie. Sono sospese le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), ad esclusione delle mense e del catering continuativo su base contrattuale a condizione che vengano rispettati i protocolli o le linee guida diretti a prevenire o contenere il contagio”. Resta consentita senza limiti di orario la ristorazione negli alberghi e in altre strutture ricettive limitatamente ai propri clienti, ed è consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio, “nonché fino alle ore 22 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze”.

Infine, gli uffici comunali resteranno chiusi al pubblico, così come sono inibite strade e piazze nei centri urbani dove si può creare assembramento. Istituito il divieto di circolare fuori da casa dalle 22 alle 5. La mascherina è obbligatoria anche all’aperto negli spazi adiacenti ai luoghi e ai locali aperti al pubblico. È vietata ogni forma di assembramento nei luoghi pubblici, vietate le feste nei luoghi al chiuso e all’aperto, comprese quelle legate a cerimonie civili e religiose, anche in abitazioni private.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Covid, scatta ancora la zona rossa a Bono (Sassari) proviene da Ragionieri e previdenza.

leggi tutto l’articolo sul sito della fonte

ARTICOLI RECENTI

Rischio dimissioni per 150 piccoli pazienti del centro Aias di Afragola

ROMA – Rischio dimissioni per bambini disabili all’Aias di Afragola, stando ad una circolare affissa dal centro di riabilitazione, circa 150 piccoli pazienti potrebbero...

Nissan Futures: dal 4 febbraio all’1 marzo il futuro della mobilità

Presentato Max-Out, concept cabrio 100% elettrico Milano, 2 feb. (askanews) - Dal 4 febbraio al 1° marzo, presso la Nissan Global Headquarters Gallery, si terrà...

Va in scena “Closer”, dal 9 febbraio al Teatro Argot Studio di Roma

Commedia drammatica su relazioni sociali, tratta da pluripremiato testo di Marber Roma, 2 feb. (askanews) - Quando i legami raccontano intrighi e falsità per nascondere...

Don Davide Banzato: Un Mondo non umano. Un perdono che sembra ingiusto

Riflessione del sacerdote di Nuovi Orizzonti: Dalla morte di Thomas ad Alatri alle atroci violenze di Emelda in Africa Roma, 2 feb. (askanews) - Lunedì...

Cospito, Meloni: 41 bis non dipende da me ma lo Stato non tratta

"Cospito già graziato nel 1991, poi è andato a sparare..." Milano, 2 feb. (askanews) - La decisione sulla revoca del 41 bis non spetta al...

Potrebbero interessarti...