Gentiloni: per bilancio Italia servono cautela e investimenti

Dopo crescita post-Covid, comprensibile frenata riduzione debito

Bruxelles, 11 nov. (askanews) – Il rallentamento, rilevato dalla Commissione europea nelle sue previsioni economiche, del calo del deficit pubblico in Italia, che rischia di arrestarsi nel 2024, frenando anche la riduzione del debito pubblico, non è un caso unico nell’Ue ed è comprensibile alla luce della dinamiche della forte ripresa post-Covid, dopo il suo impatto particolarmente pesante. L’importante ora è usare al meglio le risorse Ue del Pnrr e combinare investimenti e crescita con la cautela di bilancio. Lo ha affermato il commissario Ue all’Economia, Paolo Gentiloni, rispondendo a una domanda sulla situazione italiana durante la conferenza stampa di presentazione delle previsioni economiche d’autunno della Commissione, oggi a Bruxelles.

“Riguardo all’Italia – ha osservato Gentiloni – , vorrei dire che in fondo i trend che vediamo nella riduzione del debito e nell’andamento dei deficit sono abbastanza comparabili tra i diversi paesi europei. L’elemento di maggiore differenza spesso è il ritmo della ripresa dal Covid. Ci sono alcuni paesi – ha spiegato – che hanno avuto un rimbalzo della crisi del Covid molto più rapido e più forte di altri, anche perché avevano avuto una caduta più pesante di altri”.

“L’Italia – ha continuato il commissario – è un paese che ha avuto negli ultimi due o tre anni un livello di crescita molto consistente, e che ha raggiunto i livelli di crescita pre-covid piuttosto prima, devo dire, di quanto noi stessi avessimo immaginato. Che dopo questo rimbalzo così forte ci possa essere un rallentamento credo che sia abbastanza prevedibile”.

“Il problema – ha sottolineato Gentiloni – è come continuare a garantire, attraverso politiche di bilancio responsabili e caute e attraverso l’uso degli strumenti europei, e in primo luogo il Pnrr, un buon mix tra cautela di bilancio e investimenti, crescita e sviluppo”.

“Perché – ha continuaro il commissario – sono le due cose insieme che portano poi a ridurre il deficit e il debito”. In Italia, ha ricordato, “abbiamo avuto effettivamente una forte riduzione del debito, dal 155% a 142% nel giro di due o tre anni, ma legata a dei livelli di crescita molto molto alti. Quindi – ha concluso – cautela e investimenti”.

leggi tutto l’articolo sul sito della fonte

ARTICOLI RECENTI

Ospedali sentinella Fiaso: i ricoveri Covid sono in rialzo

ROMA – Ricoveri Covid ancora in crescita per la terza settimana consecutiva. Il report degli ospedali sentinella aderenti alla rete Fiaso del 6 dicembre...

Professioni, costituita l’Accademia dei dottori commercialisti di Paola

È stata costituita lo scorso 1° dicembre l’Accademia dei dottori commercialisti di Paola (Cosenza), su iniziativa di alcuni professionisti iscritti al relativo Ordine. L’Accademia...

Minacce a Meloni, denunciato un 27enne di Siracusa

Sequestrate apparecchiature informatiche e l'account social Roma, 7 dic. (askanews) - La Polizia ha identificato e denunciato il presunto autore delle minacce di morte al...

Facile sognare, il workshop dedicato ai sogni dei bambini

La prossima opera del writer napoletano Jorit sarà ispirata dai disegni dei bambini della Scugnizzeria di Melito. I ragazzi, dai 10 ai 15 anni,...

Gli hub vaccinali della Sicilia, costi per tre milioni al mese

PALERMO – Gli hub vaccinali in Sicilia costano “tre milioni al mese”. Il dato viene reso noto dalla deputata di Forza Italia all’Ars, Margherita...

Potrebbero interessarti...