Gualtieri: “Prolungare il blocco dei licenziamenti. Restano da pagare 20 mila domande cig” 

“Secondo gli ultimi dati Inps, di tutti quelli che hanno fatto domanda di cassa integrazione entro fine maggio soltanto 20.000 restano da pagare”. Lo ha detto il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, intervistato a “In onda” su La7.

“Dovremo prolungare il blocco dei licenziamenti e la cassa integrazione e gradualmente renderli più selettivi per i settori più in difficoltà favorendo al contempo la ripartenza dell’economia”, ha aggiunto il ministro, che ha annunciato che “domani ci sarà un incontro importante per affrontare il problema di prorogare il sostegno ai lavoratori. Bisognerà modulare il sostegno al lavoro”, ha aggiunto, “e favorire la ripresa dell’economia.

Continua a leggere sul sito di riferimento

L’articolo Gualtieri: “Prolungare il blocco dei licenziamenti. Restano da pagare 20 mila domande cig” proviene da Notiziedi.

leggi tutto l’articolo sul sito della fonte

ARTICOLI RECENTI

Mattarella a Trump: “Fra Italia e Usa legame più profondo dopo la pandemia”

AGI – “In occasione del 244° anniversario della Dichiarazione d'Indipendenza mi è gradito formulare, a nome di tutti gli italiani e mio personale, i...

Dall’ecobonus alle assunzioni nella sanità, il dl Rilancio dalla A alla Z

AGI – La Commissione Bilancio della Camera ha dato via libera al dl rilancio, che stanzia 55 miliardi di euro per far ripartire l'Italia...

Centrodestra in piazza contro il governo, e in cerca di unità

AGI – Il centrodestra domani torna in piazza per protestare contro le politiche del governo nella prima vera manifestazione da inizio pandemia. Senza bandiere...

Nuove tensioni nel governo, in vista Regionali (e possibile rimpasto)

AGI – L'ultimo fronte nella maggioranza è sulla legge elettorale. La Lega è pronta a ripresentare la proposta del ‘Mattarellum' e si aspetta che...

Il governo proroga lo ‘split payment’ al 2023, protesta Confindustria

AGI – L'Italia è autorizzata a continuare ad applicare lo split payment fino al 30 giugno 2023. Lo comunica in una nota il Mef....

Potrebbero interessarti...