I commercialisti si rivolgono ai Garanti del Contribuente per la trasmissione della dichiarazione per gli aiuti di stato

Lettera delle associazioni nazionali Adc, Aidc, Anc, Andoc, Fiddoc, Unagraco, Sic, Ungdcec e Unico

Segnalato il comportamento dell’Agenzia delle Entrate: L’adempimento in scadenza al 30 giugno è illegittimo

Le Associazioni Nazionali di Categoria Adc, Aidc, Anc, Andoc, Fiddoc, Unagraco, Sic, Ungdcec e Unico hanno indirizzato oggi una lettera ai Garanti del Contribuente, ai quali è stato chiesto di intervenire, ancora una volta, nei confronti del comportamento adottato dall’Agenzia delle Entrate affinché la stessa si adoperi per un agire che sia pienamente rispettoso delle norme dello Statuto del Contribuente.

L’adempimento in scadenza al 30 giugno si manifesta illegittimo, ragione per la quale le Associazioni ribadiscono l’opportunità di una sua abrogazione, fermo restando che la scadenza prevista è comunque inadeguata e rende opportuno, come già sostenuto, un provvedimento di proroga.

È stato evidenziando che il termine del 30 giugno, stabilito dall’Agenzia delle Entrate per l’invio della dichiarazione sostitutiva da parte dei soggetti che hanno beneficiato degli aiuti di stato durante l’emergenza Covid-19, non solo è contrario a qualsiasi logica, ma costituisce soprattutto una palese violazione dello Statuto del Contribuente.

Tenuto conto, infatti, che i dati da riportare nel modello di autodichiarazione sono quelli relativi agli aiuti ricevuti dal 1° marzo 2020 al 30 giugno 2022, ciò significa che l’arco temporale oggetto della comunicazione si conclude il giorno stesso della scadenza dell’adempimento, inoltre la finestra per l’invio telematico specificata sul modello, ossia dal 28 aprile al 30 giugno, non è in linea con il periodo al quale devono riferirsi i dati da comunicare.

L’Agenzia delle Entrate, in aperto contrasto con le norme dello Statuto del Contribuente (art. 6, comma 4, legge 212/2000), richiede la comunicazioni di dati che sono già nella sua disponibilità, esponendo anche il denunciante al rischio di errori e conseguenti sanzioni civili e penali.

I principi dello Statuto del Contribuente, si sottolinea nella missiva a firma delle Associazioni, sono purtroppo frequentemente ignorati dall’Amministrazione Finanziaria con conseguente grave nocumento per i cittadini contribuenti e per i professionisti intermediari che li assistono.

L’articolo I commercialisti si rivolgono ai Garanti del Contribuente per la trasmissione della dichiarazione per gli aiuti di stato proviene da Notiziedi.

leggi tutto l’articolo sul sito della fonte

ARTICOLI RECENTI

Vaiolo delle scimmie, Bassetti: “Fare divulgazione scientifica non è allarmismo”

ROMA – “Sulle importanti notizie e informazioni sul virus del vaiolo delle scimmie che noi esperti di malattie infettive abbiamo provato a dare ai...

L’immunologa Viola: “Sul vaiolo delle scimmie pesano trasmissibilità e calo dell’immunità della popolazione”

ROMA – “Il vaiolo umano è stato una delle grandi piaghe dell'umanità, certamente la più terribile malattia infettiva che ha colpito l'essere umano per...

Allarme obesità infantile: quasi un bambino italiano su dieci ne è affetto

ROMA – “Negli ultimi quattro decenni, il numero di bambini e adolescenti con obesità è aumentato di oltre dieci volte. In 40 anni (dal...

La Russia taglia il gas alla Finlandia: da Gazprom stop alle forniture

ROMA- La Russia chiude il rubinetto del gas alla Finlandia. La compagnia russa Gazprom ha confermato di aver bloccato le forniture di gas...

Tra bambini e adolescenti è ‘epide-miopia’: in aumento casi e forme gravi

ROMA – La miopia è sempre più diffusa tra bambini e adolescenti, al punto che si parla di ‘epide-miopia' neologismo comparso tra gli addetti...

Potrebbero interessarti...