Il 25 marzo tornano ‘Click days’ della Cusano: 165 borse di studio

ROMA – Domani, 25 marzo, alle ore 16 tornano i ‘Click days’ dell’Università Niccolò Cusano con una grande novità: per la prima volta le 165 borse di studio sono rivolte agli studenti di tutta Italia che conseguiranno il diploma di istruzione secondaria superiore nell’anno scolastico in corso. “È un’iniziativa che va avanti da 8 anni con grande successo- ha dichiarato il rettore dell’ateneo, Fabio Fortuna- È un’opportunità grandissima, perché consente ai neodiplomati di frequentare la nostra università per l’intero ciclo gratuitamente”.

Un impegno importante: la Cusano, infatti, ha più che raddoppiato le borse di studio, prevedendo di investire oltre 3 milioni e mezzo di euro per garantire la formazione dei 165 maturandi per i prossimi 5 anni. I più veloci a inviare la domanda vinceranno la possibilità di seguire i Corsi di laurea con percorso Plus e una serie di attività didattiche che ne accrescono l’efficacia. Le future matricole dell’ateneo di Roma, dunque, potranno studiare gratis e frequentare il Campus di via don Carlo Gnocchi. “Suggerisco a chiunque voglia partecipare- ha raccomandato Luca, vincitore di una borsa di studio- di prepararsi per inviare la Pec appena scattano le ore 16 del 25 marzo; almeno io ho fatto così. Inutile dire che più si è veloci e più possibilità si hanno”. Tante, come detto, le attività didattiche a cui si avrà accesso, come i corsi d’inglese e della seconda lingua straniera, ma anche corsi e attività mirati a sviluppare le competenze trasversali e le risorse personali che permetteranno di tradurre le conoscenze in comportamenti efficaci, e poi le attività di comunicazione e divulgazioni sviluppate sotto la guida di esperti nel settore della comunicazione. “Abbiamo scelto una formula che premia i più veloci senza riferirci all’andamento scolastico precedente- ha detto ancora Fortuna- perché ho potuto appurare, nella mia esperienza ventennale nella scuola secondaria di secondo grado, che spesso i giovani che stentano negli anni del liceo o dell’istituto tecnico diventano studenti brillanti all’università; ne ho visti tanti di questi casi. E allora perché precludere loro la possibilità di una borsa di studio?”. La possibilità, quindi, viene data a tutti, ma per mantenere i ‘privilegi’ del percorso Plus bisogna conseguire, fra le altre cose, il 100% dei crediti previsti dal proprio piano di studi, non superare il limite di assenze del 30% delle lezioni in presenza, prendere parte attiva a convegni e seminari organizzati dall’ateneo, partecipare ai workshop e collaborare con l’ufficio stampa presso la redazione di Radio Cusano Campus, Cusano Italia Tv e Unicusano Tag 24. Bando e regolamento su: https://www.Unicusano.it/iscriversi-universita/borsa-di-studio.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Il 25 marzo tornano ‘Click days’ della Cusano: 165 borse di studio proviene da Ragionieri e previdenza.

leggi tutto l’articolo sul sito della fonte

ARTICOLI RECENTI

Biologi Lazio-Abruzzo, Iannello: “Alle elezioni per dare continuità al rinnovamento”

ROMA – “La mia candida­tura si fonda sulla volontà di dare su­pporto ai miei colle­ghi, dai laboratoris­ti che in questi ult­imi periodi sono in...

ITS ICT-Academy, domani nuovo open day all’Università Sapienza

ROMA – Continuano gli Open Day di ITS-ICT Academy: gli eventi organizzati dalla nuova Fondazione Its per far conoscere ai giovani tutte le opportunità...

L’Ue presenta nuove sanzioni dopo il referendum in Ucraina

di Alessio Pisanò BRUXELLES – La Commissione europea ha presentato l’ottavo pacchetto di sanzioni contro la Russia dall’inizio dell’offensiva militare dell’Ucraina per reagire ai referendum...

Giovanni Rezza tra i 10 premiati a Roma per le ‘Eccellenze in sanità’

ROMA – Dopo la pausa del 2020 per la pandemia, e dopo aver dedicato l’edizione 2021 agli eroi della lotta contro il Covid, il...

Al via l’Emodinamica all’ospedale San Paolo di Civitavecchia

di Elisa Castellucci ROMA – Prima si interviene e più cuore si salva. Coronarografie, impianti stent, diagnosi e terapia delle sindromi coronariche acute rappresentano un...

Potrebbero interessarti...