Il Vaticano riapre le indagini su Emanuela Orlandi, il fratello: “Non lo sapevo, spero mi ascoltino”

“ROMA – Vorrei capire un po’ di piu’ in merito a questa notizia che ho appreso” dalle agenzie. Lo dice Pietro Orlandi, fratello di Emanuela, la ragazza di 15 anni scomparsa nel 1983, intervistato da Rainews 24 a proposito della notizia che si è diffusa oggi sulla riapertura, da parte del Vaticano, delle indagini relative a Emanuela Orlandi. La ragazzina scomparve nel nulla il 22 giugno 1983 e da allora si sono inseguite piste su piste senza però arrivare a nessuna verità di fatto.

Questa riapertura delle indagini da parte della giustizia Vaticana, aggiunge, “la leggo come una cosa positiva. Mi sono sempre illuso e disilluso nella vita”, e quindi “voglio andarci con i piedi di piombo, ma il fatto che si sia deciso di riaprire l’inchiesta la vedo come una decisione positiva”.

LEGGI ANCHE: Quarant’anni di misteri per Emanuela Orlandi, si riapre il caso che sembra non avere fine

“SPERO MI CHIAMINO AL PIÙ PRESTO”

“Io sono disponibile- dice ancora- e spero di essere ascoltato quanto prima” perche’ ci sono “degli elementi che sono emersi in questi ultimi anni. Ci sono ad esempio dei messaggi whatsapp che mi sono arrivati che parlano di cose che riguardano Emanuela”. Insomma, continua, se questa nuova indagine “è fatta in buona fede per arrivare a una soluzione, allora la vedo come una cosa positiva per fare finalmente chiarezza. Mi auguro che sia la volta buona perchè nasca una collaborazione” tra la giustizia italiana e quella Vaticana, “e si arrivi a una soluzione” perché “la verità da qualche parte sta, la verita c’è e alcune persone la conoscono”.

“CI SONO ELEMENTI EMERSI NEGLI ULTIMI ANNI”

E conclude: “Forse ci si è resi conto che questa è una storia che non si riuscirà a nascondere fino alla fine e prima poi dovrà arrivare a una soluzione. Ci sono nuovi elementi che vanno analizzati e io sono convinto che in Vaticano ci sono persone a conoscenza di tutto” e “per la prima volta il Vaticano ha deciso di arrivare a una soluzione”.

LEGGI ANCHE: Pietro Orlandi nel 2020: “Illusioni per 37 anni, ma prima o poi la verità su Emanuela”

MORASSUT: “ORA ACCELERIAMO SU COMMISSIONE INCHIESTA

“La notizia della riapertura delle indagini sul caso Orlandi da parte della giustizia Vaticana è molto positiva e si muove nella direzione della ricerca della verità, una verità che i parenti e tutti gli italiani aspettano da troppo tempo. In Parlamento stiamo lavorando alla costituzione di una Commissione di Inchiesta che potrà affiancare il lavoro degli inquirenti, nelle prossime settimane accelereremo in tal senso”. Così in una nota il deputato del Partito Democratico, Roberto Morassut, primo firmatario della proposta di una Commissione di Inchiesta Parlamentare sui casi Orlandi, Gregori e Cesaroni.

LOIZZO (LEGA): “BENE VATICANO, SEGUIRE PISTA DE PEDIS”

“Fa piacere che la Santa Sede, alla vigilia del quarantesimo anniversario della scomparsa di Emanuela Orlandi, riapra le indagini”. Lo afferma Simona Loizzo deputato della Lega.
“Quel delitto non sarà mai prescritto nella mente dei nostri connazionali e, purtroppo, ha avuto la compiacenza di coperture di ogni genere. La pista che porta a Renatino De Pedis – conclude Loizzo – è molto attendibile e potrebbe nascondere tante verità finora celate”.

CALENDA: “DA VATICANO NUOVE INDAGINI? BUONA NOTIZIA”

“È una buona notizia. La magistratura italiana dovrebbe fare lo stesso”. Lo scrive su twitter il leader di Azione Carlo Calenda, sulla riapertura delle indagini da parte della giustizia Vaticana sul caso della scomparsa di Emanuela Orlandi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it leggi tutto l’articolo sul sito della fonte

ARTICOLI RECENTI

Dentro Arte Fiera: tra design di recupero e maestri del Novecento

Incontro con l'architetto Cucinella e la galleria Mazzoleni Bologna, 2 feb. (askanews) - Sostenibilità e design, architettura e consapevolezza. Tra le novità di Arte Fiera...

Rischio dimissioni per 150 piccoli pazienti del centro Aias di Afragola

ROMA – Rischio dimissioni per bambini disabili all’Aias di Afragola, stando ad una circolare affissa dal centro di riabilitazione, circa 150 piccoli pazienti potrebbero...

Nissan Futures: dal 4 febbraio all’1 marzo il futuro della mobilità

Presentato Max-Out, concept cabrio 100% elettrico Milano, 2 feb. (askanews) - Dal 4 febbraio al 1° marzo, presso la Nissan Global Headquarters Gallery, si terrà...

Va in scena “Closer”, dal 9 febbraio al Teatro Argot Studio di Roma

Commedia drammatica su relazioni sociali, tratta da pluripremiato testo di Marber Roma, 2 feb. (askanews) - Quando i legami raccontano intrighi e falsità per nascondere...

Don Davide Banzato: Un Mondo non umano. Un perdono che sembra ingiusto

Riflessione del sacerdote di Nuovi Orizzonti: Dalla morte di Thomas ad Alatri alle atroci violenze di Emelda in Africa Roma, 2 feb. (askanews) - Lunedì...

Potrebbero interessarti...