Leo (Mef): “Ridaremo organicità e sistematicità al nostro modello tributario”

Cuchel (commercialisti): “Va recuperata la fiducia degli italiani nel Fisco”

TORINO – “Ridare organicità e sistematicità al nostro modello tributario, semplificando l’intera materia, è l’obiettivo principale.

La legge delega che presenteremo in Consiglio dei Ministri la prossima settimana è strutturata in quattro parti: nella prima metteremo in evidenza quelli che sono i principi generali che sono riferibili sia all’ordinamento interno sia a quello sovranazionale; lavoreremo sullo Statuto del Contribuente per far sì che possa diventare una legge tributaria generale; incideremo sui singoli tributi, correggendo le anomalie che nel corso del tempo si sono verificate; tratteremo, infine, la parte dei procedimenti dichiarativi di accertamento, sanzionatori e riscossori”.

Lo ha annunciato Maurizio Leo, viceministro dell’Economia e delle Finanze, nel corso del convegno “2023 l’evoluzione delle professioni, rapporto tra amministrazione pubblica e professionisti”, promosso dall’Associazione Nazionale Commercialisti.

“la legge delega sarà completata elaborando dei testi unici organici – ha proseguito il viceministro del Mef –  per evitare la presenza di norme disseminate qua e là nel nostro ordinamento dando corso ad un ‘codice’  organico che sarà composto da una parte generale, in cui saranno racchiusi i principi generali, lo Statuto del Contribuente, l’accertamento, le sanzioni le riscossioni e il contenzioso e infine una parte speciale che sarà rappresentata dagli aspetti sostanziali quindi dai singoli tributi.

Un lavoro impegnativo e ambizioso – ha concluso Leo –  che dovrà necessariamente arricchirsi del confronto con i professionisti”.

Ad aprire il confronto con il governo e i parlamentari è stato Marco Cuchel, numero uno di Anc: “Avrei preferito che per una riforma così importante come quella del Fisco si fosse scelta la strada della proposta di legge elaborata sentendo tutti i protagonisti, in special modo i professionisti.

Con la delega fiscale temo che possano esserci problemi o ripensamenti in fase attuativa. Ad ogni modo ritengo necessario che la legge delega preveda una semplificazione consistente all’insegna dell’equità orizzontale e maggiori certezze normative per favorire gli investimenti e rilanciare, così, l’economia del Paese.

Aspettiamo di vedere come saranno rimodulate le aliquote e quali detrazioni e deduzioni verranno eliminate poiché ci dovrà essere un equilibrio tra benefici fiscali e sostenibilità economica e vediamo quale impatto effettivo si avrà sull’intero sistema.

Oggi la fiducia degli italiani nel fisco è molto bassa. L’unico modo per ristabilire il giusto rapporto è quello di fissare regole certe, chiare, mantenute nel tempo, che siano il risultato di un dialogo anche con i commercialisti”.

Sulla legge delega si è soffermato Luigi Alberto Gusmeroli (presidente della Commissione Attività produttive alla Camera dei Deputati): “Un testo importante, frutto della visione unitaria dell’attuale maggioranza di governo che è riuscita ad unire la tenuta dei conti pubblici, con le esigenze delle persone fisiche, di imprese e professionisti.

In questa ‘delega’ ci sono tante semplificazioni, un riequilibrio del rapporto tra Fisco e cittadino attraverso rivalutazione dello Statuto del Contribuente che torna a essere nodale, e poi c’è la riduzione della pressione fiscale.

Un Fisco che sarà più amico sia sul piano degli aspetti sanzionatori, facendo differenza tra chi evade e chi non può pagare per difficoltà economiche. Una riduzione delle aliquote da 4 a 3 scaglioni per arrivare entro fine legislatura alla flat tax incrementale per tutti. Infine cambia l’approccio sull’evasione fiscale che si combatte in termini di prevenzione e non più complicando la vita ai cittadini”.

Alberto Gusmeroli

La riforma del Fisco è stata anche al centro dell’intervento di Andrea De Bertoldi, parlamentare di Fratelli d’Italia in Commissione Finanze a Montecitorio): “L’idem sentire della cultura economica sta accelerando il processo delle riforme con un percorso che arriverà al termine grazie a una maggioranza coesa. Questa è la differenza con la vecchia proposta di legge delega.

Il vero punto qualificante è la volontà di fare una riforma pratica guidata dalla competenza del Viceministro Leo che ha considerato le preoccupazioni e le esperienze raccolte dal confronto con professionisti ed esperti.

Una riforma che dà anche risposta al tema delle casse di previdenza, intervenendo con tassazioni ridotte a chi si occupa del nostro welfare unitamente alle agevolazioni per professionisti e studi associati per garantire un futuro alla categoria”.

Andrea De Bertoldi

Per Emiliano Fenu, componente della Commissione Finanze alla Camera: “La bozza della proposta di riforma denota che si tratta di un mero restyling. Cosa che si stava cercando di fare anche nella scorsa legislatura con il governo Draghi.

In Parlamento cercheremo di migliorarla. Tra le novità che proporremo c’è quella della realizzazione di un Testo unico sulla tassazione dell’economia digitale e sulla gestione dei dati dei cittadini.

Bisogna partire dalla creazione di un tavolo permanente costituito da commercialisti e ingegneri informatici per creare anche una mappatura dei dati disponibili da inserire in un Registro unico.

La stessa professione dei commercialisti si deve adattare alle innovazioni tecnologiche anche per fronteggiare la profonda crisi di vocazione che la riguarda”.

Emiliano Fenu

 

I limiti alla crescita prodotti dalle difficoltà dei sistemi giudiziari sono stati sottolineati da Andrea Delmastro (sottosegretario al ministero della Giustizia): “I grandi malati del nostro sistema sono la giustizia civile e quella tributaria le cui disfunzioni costano all’Italia circa il 2 per cento del Pil.

Durante la scorsa legislatura è stata fatta la Riforma della Giustizia tributaria che però ha fatto registrare due storture: Il Giudice che non è terzo autonomo e indipendente ma nominato dal Mef e l’inversione dell’onere probatorio.

Questa situazione produce una sorta di imbuto nelle commissioni tributarie. Spesso si arriva in Cassazione dove c’è un contenzioso pazzesco e dove il 50 per cento delle sentenze tributarie viene ribaltato.

Altro problema serio riguarda la giustizia civile lenta che rende incerto il tempo in cui verrà garantito l’eventuale credito e questo ammazza imprese, economia, occupazione e ricchezza sociale diffusa sul territorio.

Le leggi tutto l’articolo sul sito della fonte

ARTICOLI RECENTI

Lucca Summer Festival: il 4/7 i Generation Sex, prima volta in Italia

La band di Billy Idol e Tony James con Steve Jones e Paul Cook Roma, 25 mar. (askanews) – Il palco del Lucca Summer Festival...

“Esperti a Confronto” all’Ospedale Buonconsiglio Fatebenefratelli

“Un solo giorno, un solo programma”, è lo slogan di questa iniziativa, infatti il corso si svolgerà simultaneamente in numerose città europee di cui...

L’Archivio storico della Biennale ha acquisito il Fondo Capellini

Per conservare e valorizzare l’archivio del grande fotografo Milano, 24 mar. (askanews) – L’Archivio Storico delle Arti Contemporanee della Biennale di Venezia ha acquisito il...

Nasce l’Ordine dei Fisioterapisti di Salerno

Il 25, 26 e 27 marzo si voterà il primo Consiglio Direttivo e del Collegio dei Revisori dei Conti dell’Ordine Regionale della Professione Sanitaria...

BCE: Il settore bancario UE è resiliente, patrimonio e liquidità solidi

“La regolamentazione è migliorata, l’unione bancaria va completata” “Il settore bancario dell’Eurozona è resiliente con solide posizioni di capitale e liquidità. Abbiamo applicato tutte le...

Potrebbero interessarti...