Lettera con proiettile al presidente della Confindustria di Bergamo

Una lettera con proiettile indirizzata al presidente di Confindustria Bergamo, Stefano Scaglia, è stata recapitata al quotidiano L’Eco di Bergamo. La missiva segue quella dello stesso stampo inviata la scorsa settimana al presidente di Confindustria Lombardia, Marco Bonometti, che da allora si trova sotto scorta. Secondo quanto riporta lo stesso quotidiano, la lettera riportava come destinatario il direttore della testata, Alberto Ceresoli.

Oltre al proiettile calibro 6,25, all’interno vi era una lettera di rivendicazione, a firma dei ‘Nuclei proletari lombardi’. “Il signor Stefano Scaglia di Confindustria – è scritto – sappia che non dimentichiamo mai. Una bara in più non si nega a nessuno mai o lui o un suo familiare.

Continua a leggere sul sito di riferimento

L’articolo Lettera con proiettile al presidente della Confindustria di Bergamo proviene da Notiziedi.

leggi tutto l’articolo sul sito della fonte

ARTICOLI RECENTI

Mattarella a Trump: “Fra Italia e Usa legame più profondo dopo la pandemia”

AGI – “In occasione del 244° anniversario della Dichiarazione d'Indipendenza mi è gradito formulare, a nome di tutti gli italiani e mio personale, i...

Dall’ecobonus alle assunzioni nella sanità, il dl Rilancio dalla A alla Z

AGI – La Commissione Bilancio della Camera ha dato via libera al dl rilancio, che stanzia 55 miliardi di euro per far ripartire l'Italia...

Centrodestra in piazza contro il governo, e in cerca di unità

AGI – Il centrodestra domani torna in piazza per protestare contro le politiche del governo nella prima vera manifestazione da inizio pandemia. Senza bandiere...

Nuove tensioni nel governo, in vista Regionali (e possibile rimpasto)

AGI – L'ultimo fronte nella maggioranza è sulla legge elettorale. La Lega è pronta a ripresentare la proposta del ‘Mattarellum' e si aspetta che...

Il governo proroga lo ‘split payment’ al 2023, protesta Confindustria

AGI – L'Italia è autorizzata a continuare ad applicare lo split payment fino al 30 giugno 2023. Lo comunica in una nota il Mef....

Potrebbero interessarti...