Milano, arrestato sindaco di Opera: mascherine ai parenti, corruzione e traffico rifiuti

Di Maria Laura Iazzetti e Marco Sacchetti

MILANO – Truccava appalti e distribuiva mascherine a parenti e amici, invece di consegnarle ai dipendenti delle Rsa. I Carabinieri del comando provinciale di Milano hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti del Sindaco di Opera, Antonino Nucera, della dirigente dell’ufficio tecnico del Comune e di tre imprenditori del settore edile. Sono accusati di peculato, corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente e traffico di rifiuti.

L’inchiesta- coordinata dai procuratori aggiunti, Alessandra Dolci e Maurizio Romanelli, e dai sostituti Silvia Bonardi e Stefano Civardi- è stata avviata nel febbraio 2020 per far luce su presunti illeciti dell’amministrazione comunale. Attraverso le indagini si è scoperto che da febbraio a ottobre 2020 il primo cittadino di Opera, con l’adesione incondizionata della dirigente dell’Ufficio tecnico e l’accondiscendenza di alcuni funzionari, ha sistematicamente interferito in alcune procedure di gara bandite dal Comune per orientare l’assegnazione di lavori pubblici in favore di diversi imprenditori conniventi.

Le forze dell’ordine hanno anche documentato che gli imprenditori indagati hanno stoccato, riutilizzato e interrato in alcune zone di Opera e in aree agricole all’interno del Parco Sud di Milano circa 1.000 tonnellate di fresato d’asfalto proveniente dalle lavorazioni stradali e da altri interventi appaltati da diversi comuni del territorio. Falsamente, invece, certificavano il regolare recupero dei rifiuti speciali. E’ stato accertato poi che il sindaco di Opera, nei primi mesi della pandemia, ha arbitrariamente distribuito a stretti congiunti e a dipendenti comunali circa 2000 mascherine chirurgiche che la città metropolitana e la protezione civile avevano destinato alle Rsa e alle farmacie comunali.

ARRESTO SINDACO OPERA, OPPOSIZIONI: VICENDA INQUIETANTE

“Inquietante quanto emerge dall’inchiesta dei carabinieri del Nucleo investigativo di Milano che vede indagati e arrestati il primo cittadino del Comune di Opera, oltre che la sua compagna, responsabile comunale dei Lavori pubblici, e tre imprenditori. Accuse gravissime, dal peculato delle mascherine agli appalti, passando per lo smaltimento illecito di rifiuti speciali che, se confermate, porterebbero alla ribalta un sistema opaco e a dir poco allarmante”. Con queste parole la segretaria metropolitana del Pd, Silvia Roggiani commenta le misure cautelari disposte dai carabinieri nei confronti, in particolare, del primo cittadino di Opera, Antonino Nucera. Roggiani sottolinea “di attendere con fiducia il lavoro della magistratura, che accerterà eventuali reati e responsabilità delle persone coinvolte”.

Dello stesso parare anche il consigliere regionale del Movimento Cinque stelle, Gregorio Mammì. “Le accuse sono gravi e se confermate sarebbero gravissime anche per le ricadute sui cittadini”, scrive il consigliere pentastellato che auspica “un passo indietro dalla giunta”. Secondo Mammì, “il vicesindaco leghista, Ettore Fusco, non può continuare ad amministrare come se nulla fosse accaduto”.

Fratelli d’Italia invece precisa che “sarà la magistratura a far luce sulle indagini in corso” e che “ognuno è innocente fino a prova contraria”. Ma il consigliere comunale, Alberto Pino Pozzoli, e Sandro Sisler, coordinatore provinciale, sottolineano la loro posizione nei confronti dell’amministrazione: “Non saremo certo noi a cavalcare l’onda del giustizialismo per opportunismo politico anche se, è bene ricordarlo, nel 2018, come Fratelli d’Italia, abbiamo fatto la scelta di correre in solitaria sedendo oggi all’opposizione”, chiariscono.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Milano, arrestato sindaco di Opera: mascherine ai parenti, corruzione e traffico rifiuti proviene da Ragionieri e previdenza.

leggi tutto l’articolo sul sito della fonte

ARTICOLI RECENTI

Rischio dimissioni per 150 piccoli pazienti del centro Aias di Afragola

ROMA – Rischio dimissioni per bambini disabili all’Aias di Afragola, stando ad una circolare affissa dal centro di riabilitazione, circa 150 piccoli pazienti potrebbero...

Nissan Futures: dal 4 febbraio all’1 marzo il futuro della mobilità

Presentato Max-Out, concept cabrio 100% elettrico Milano, 2 feb. (askanews) - Dal 4 febbraio al 1° marzo, presso la Nissan Global Headquarters Gallery, si terrà...

Va in scena “Closer”, dal 9 febbraio al Teatro Argot Studio di Roma

Commedia drammatica su relazioni sociali, tratta da pluripremiato testo di Marber Roma, 2 feb. (askanews) - Quando i legami raccontano intrighi e falsità per nascondere...

Don Davide Banzato: Un Mondo non umano. Un perdono che sembra ingiusto

Riflessione del sacerdote di Nuovi Orizzonti: Dalla morte di Thomas ad Alatri alle atroci violenze di Emelda in Africa Roma, 2 feb. (askanews) - Lunedì...

Cospito, Meloni: 41 bis non dipende da me ma lo Stato non tratta

"Cospito già graziato nel 1991, poi è andato a sparare..." Milano, 2 feb. (askanews) - La decisione sulla revoca del 41 bis non spetta al...

Potrebbero interessarti...