“Scugnizzi per sempre” è la miglior serie allo Sport Film Festival

0
56
“scugnizzi-per-sempre”-e-la-miglior-serie-allo-sport-film-festival
“Scugnizzi per sempre” è la miglior serie allo Sport Film Festival

Sullo scudetto della Juvecaserta basket, l’evento Pragma in Campania

Roma, 27 nov. (askanews) – Serata di premiazioni alla seconda edizione dell’International Sport Film Festival al Multisala Stabia Hall di Castellammare di Stabia. Miglior serie è risultata “Scugnizzi per sempre”, sull’impresa della Juvecaserta di basket. Il regista Gianni Costantino: “Questa è una storia che ho vissuto sulla mia pelle perché essendo di Caserta, erano degli anni che me la portavo dentro e volevo che diventasse anche di altri”, ha spiegato. “Penso alla squadra, a questi ragazzi che sono cresciuti e che hanno vinto questo scudetto. Rimarrà nella memoria di molte persone degli anni Ottanta e Novanta”, ha aggiunto.A ritirare il premio con Costantino i campioni Nando Gentile e Sergio Donadoni, e il presidente della Juvecaserta nell’anno dello scudetto, il ’91, Gianfranco Maggiò, a cui è stato assegnato anche l’International Campania Award: “Innanzitutto la soddisfazione di essere riuscito a finire il lavoro che aveva cominciato mio padre. E poi resta l’orgoglio di avere portato il nome di Caserta, ma non solo il nome di Caserta, ma della Campania, del Mezzogiorno d’Italia sul tetto dell’Italia”.L’evento organizzato da Pragma con la direzione artistica di Nicola D’Auria e Ciro Sorrentino, è realizzato con il contributo della Regione Campania e della Film Commission Regione Campania. Nicola D’Auria, direttore International Sport Film Festival: “É stata una seconda edizione dell’International film festival molto ricca: 138 opere iscritte, 38 nazioni partecipanti, 6 continenti: siamo molto soddisfatti del risultato ottenuto”, ha affermato. “Sentire vicino federazioni e il Coni che ci dà una mano ci fa sentire orgogliosi del lavoro che stiamo facendo”, ha concluso. Il Golden Runner è stato assegnato a “Il settimo giocatore” di Vito Cea e Sergio Palomba sul tema pallavolo; “A Tennis Friend” di Brian Herrera Gladstone Miglior film; miglior regia a Tarvo Molder (per Kurvilise tee legendid”), miglior documentario ad “Aiguille du Midi Operation: Electric Avenue” di Georgi Kerezov e Stoil Dimitrov a tema alpinismo, mentre “Levitate” di Tim Sessler e Ben Franke sul parkour è miglior prodotto web.La miglior fotografia è quella di Jesse McCracken per “Valevictorious” di Jerome Riel sulla boxe, Mattia Peren è miglior attore per “999 – L’altra anima del calcio”, “Fili” di Peter Filimaua sul football americano è la miglior opera young, realizzata prevalentemente da un cast under 30.Copioso il parterre degli sportivi coinvolti: da Salvatore Maresca, campione internazionale di ginnastica artistica, a Vincenzo Santillo, ultra-maratoneta, passando per Francesco Esposito, 9 volte campione del mondo nel canottaggio, fino a Pino Porzio, pallanuotista plurimedagliato alle Olimpiadi. E ancora Angela Procida, campionessa mondiale nei 200 stile libero nuoto paraolimpico, Gaia Farriciello, 10 anni ma già pluricampionessa mondiale di ballo latino-americano, Gianni Sasso, paratriatleta, allenatore di calcio, world record marathon, olimpionico Rio 2016 e marathon trainer motivator, una delegazione della squadra di calcio della Juve Stabia.L’International Sport Film Festiva gode del patrocinio di Rai Campania. Media partner Radio Sportiva, SìComunicazione, Metropolis, Giornale Weekend.