Scuola, i presidi: “Preoccupazione per il rientro in presenza al 100%”

ROMA – “Noi siamo favorevoli al rientro a scuola per tutti gli studenti, ma c’è una riflessione tecnica da fare: se sul piano vaccinale la situazione è migliorata, non è così sul trasporto pubblico -centrale per il rientro in presenza delle superiori- e per il problema degli spazi. In aggiunta il piano di screening non riesce a decollare, quindi qualche preoccupazione c’è”. Così Antonello Giannelli, presidente dell’Associazione nazionale presidi (Anp), intervenuto questa mattina ad Omnibus, su La7.

LEGGI ANCHE: Speranza: “Priorità alla scuola, dal 26 lezioni in presenza nelle zone gialle e arancioni”

“Tutto dipende dal rischio che possiamo accettare. L’importante è essere chiari. Basta che questo rischio sia chiaro per tutti- ha spiegato Giannelli- Bisogna dire alle scuole cosa devono fare nelle aule in cui non è possibile ospitare 30 studenti con un metro di distanza”. Giannelli ha proposto quindi di lasciare alle scuole la possibilità di scegliere in quale percentuale consentire la didattica in presenza, “magari facendo entrare in classe il 75-80%- ha detto- degli elementi di flessibilità sarebbero necessari”.

ANDIS: FORTE SENTIMENTO DI PREOCCUPAZIONE PER RIAPERTURA SUPERIORI

L’Associazione Nazionale Dirigenti Scolastici (Andis) segnala al Governo e al ministro dell’Istruzione che tra il personale scolastico e le famiglie continua a diffondersi un “forte sentimento di preoccupazione e di ansia circa i possibili rischi connessi alla ripresa, dal prossimo 26 aprile, delle lezioni in presenza anche per le secondarie di II grado senza che siano stati predisposti servizi aggiuntivi e più efficaci interventi di prevenzione”. Così l’Andis in una nota.

A questo proposito, l’associazione ribadisce “la necessità e l’urgenza di emanare alcune misure indifferibili”, come l’aggiornamento del protocollo di sicurezza (anche in relazione alla diffusione delle varianti COVID); la possibilità che siano i dirigenti a scegliere la percentuale di alunni da ammettere in presenza (a partire dal 50%); la somministrazione di tamponi periodici agli alunni e al personale della scuola; efficaci misure di tracciamento; linee guida unitarie all’indirizzo di ASL/USL; il completamento della vaccinazione del personale scolastico; aumento dei mezzi di trasporto scolastico; la gestione alla Protezione Civile e alle organizzazioni di volontariato il controllo sugli assembramenti all’entrata e all’uscita delle scuole e alle fermate dei mezzi pubblici.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Scuola, i presidi: “Preoccupazione per il rientro in presenza al 100%” proviene da Ragionieri e previdenza.

leggi tutto l’articolo sul sito della fonte

ARTICOLI RECENTI

Entrano in vigore le nuove regole per i congedi parentali: ecco le novità

“Da oggi entrano definitivamente a regime i nuovi congedi parentali. Un passo importante verso una genitorialità equamente condivisa, un uso paritario del tempo e...

Aimo: “No a messaggi fuorvianti su cornee artificiali”

ROMA – “L'Associazione Italiana Medici Oculisti desidera fare delle precisazioni riguardo agli articoli sensazionalistici apparsi sulla stampa in merito ai risultati dello studio sulle...

Lombardia regione più colpita da vaiolo delle scimmie, 283 contagi

ROMA – In Italia non si ferma la crescita del numero dei contagi di vaiolo delle scimmie. Secondo l'ultimo bollettino del ministero della Salute,...

La Cgil di Rimini: “Qui nel commercio e nel turismo si lavora anche per un euro all’ora”

BOLOGNA – A Rimini “il grave sfruttamento lavorativo, più che in agricoltura, lo ritroviamo in certi negozi, ristoranti e alberghi dove si lavora anche...

Elezioni, Bassetti: “I positivi al Covid possono votare indossando la mascherina Ffp2”

ROMA – “Nei giorni prossimi al voto non vorrei trovarmi in un momento in cui magari sono ripresi i contagi da Covid e c'è...

Potrebbero interessarti...