Sequenziato Dna della Gardenia per produzione molecole utili a uomo

ROMA (ITALPRESS) – Un team internazionale di ricerca, composto da Enea, Accademia delle Scienze – Istituto piante medicinali (Cina) e Università di Buffalo (Stati Uniti) ha decodificato il Dna della Gardenia jasminoides, una pianta della medicina tradizionale cinese che produce crocine, pigmenti importanti dal punto di vista farmacologico che si trovano anche negli stimmi dello zafferano. Lo studio è stato pubblicato su “BMC Biology”, la rivista ammiraglia del gruppo open access Biomed Central (Springer editore). La decodifica del genoma di questa pianta ornamentale e, in particolare, dei geni per la produzione delle crocine, ha permesso di ‘accendere un farò sulla produzione sostenibile di molecole utili all’uomo.

Continua a leggere sul sito di riferimento

L’articolo Sequenziato Dna della Gardenia per produzione molecole utili a uomo proviene da Notiziedi.

leggi tutto l’articolo sul sito della fonte

ARTICOLI RECENTI

A Foggia la biblioteca “La Magna Capitana” con nuovi spazi e servizi

“È una bella giornata per la cultura e per la Puglia”. A dirlo il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, all'inaugurazione della rinnovata biblioteca...

Tg Sport ore 17.30 – 13/7/2020

In questa edizione del telegiornale sportivo delle ore 17.30: – Inter, il futuro di Conte è un rebus – City, il Tas annulla la squalifica: potrà...

Ostia, Raggi in visita alla Rotonda “Avanti con riqualificazione”

Sopralluogo del sindaco di Roma, Virginia Raggi, alla storica Rotonda di Ostia. “Non permetteremo a nessuno di fermare questo cantiere”, dice. fsc/mrv/red Continua a...

Accordo tra Italia e Germania sulla struttura del Recovery Fund

Italia e Germania “sono d'accordo nella struttura di fondo” del Recovery fund. Lo ha detto Angela Merkel alla conferenza stampa, castello di Meseburg, a...

Bankitalia, peggiorano le aspettative delle imprese

Peggiorano le aspettative delle imprese sulla situazione economica. È quanto emerge da un'indagine condotta dalla Banca d'Italia. abr/mrv/red Continua a leggere sul sito di...

Potrebbero interessarti...