Sit-in esercenti a Napoli, quindici croci in spalla: “Portiamo peso delle chiusure”

NAPOLI. – Quindici ‘croci’ di cartone portate in spalla dagli imprenditori oggi a Napoli per manifestare a causa della crisi economica che ha colpito tutti i settori del commercio durante questo anno di pandemia. È la protesta in corso in piazza del Plebiscito, davanti alla sede della prefettura, dove si sono riuniti gli esercenti di svariate categorie. In piazza ci sono i mercatali, protagonisti ieri di una accesa protesta che per ore ha bloccato l’autostrada A1, parrucchieri e barbieri, che annunciano di riaprire domani nonostante le restrizioni imposte dal governo, ma anche negozianti, gestori di b&b, lavoratori dello spettacolo, partite Iva, ristoratori.

LEGGI ANCHE: Mercatali in protesta sull’autostrada del Sole, traffico in tilt in Campania”Queste 15 croci – spiega Vincenzo Schiavo, presidente di Confesercenti Campania, sigla che ha organizzato il sit-in – rappresentano il peso che stanno portando le imprese in 395 giorni di chiusura dal primo lockdown, il sacrificio di tanti imprenditori. Molti di questi hanno chiuso le loro attività, impossibilitati a pagare fitti e tasse. Oggi Confesercenti consegna al prefetto Valentini una raccolta firme per chiedere al governo un decreto ad hoc per garantire sostegni alle imprese e agli imprenditori. In Campania abbiamo perso oltre il 50% di fatturato: nel 2019 era pari a 93 miliardi, nel 2020 è stato di 43 miliardi”. Schiavo ha condannato quanto accaduto ieri a Roma con scontri accesi in occasione delle protesta per chiedere le riaperture “infatti – dice – oggi faremo un applauso alle forze dell’ordine, a loro va il nostro ringraziamento e non la nostra violenza”. Nonostante l’appello di Confesercenti, i titolari di negozi di parrucchieri e mercatali hanno chiesto alle forze dell’ordine di “togliersi il casco e venire dalla nostra parte, perché loro uno stipendio a fine mese ce l’hanno. Domani apriremo tutto, restiamo tutti aperti”.

“Domani le attività di estetica e altre botteghe di Napoli apriranno. C’è tanto lavoro a nero che viene fatto a domicilio – spiega alla Dire Pietro Viviani dell’associazione Stamm Ca’ – e questo causa un aumento dei contagi, non certo l’apertura in sicurezza dei nostri negozi”. Vincenzo Staiano, pizzaiolo e titolare del ristorante ‘O Zi Aniello di Lettere, ha portato la ‘croce’ che simboleggia l’Iva davanti alla Basilica di San Francesco di Paola, pregando perché al più presto anche bar e ristoranti possano riaprire con il servizio al tavolo. “Vogliamo lavorare – osserva – siamo persone oneste, con l’asporto non riusciamo a fare niente, certo non riusciamo a mantenere le nostre attività e i nostri dipendenti. Ci eravamo organizzati, ci hanno fatto acquistare il plexiglass, abbiamo speso una marea di soldi. Ma per cosa? In Campania l’economia è ferma, ci restano solo le preghiere”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Sit-in esercenti a Napoli, quindici croci in spalla: “Portiamo peso delle chiusure” proviene da Ragionieri e previdenza.

leggi tutto l’articolo sul sito della fonte

ARTICOLI RECENTI

Dramma a Brescia: donna uccide il marito a coltellate davanti al figlio di 15 anni

BOLOGNA – Al magistrato, dopo aver confessato il delitto, avrebbe raccontato che i litigi in casa erano continui. Per questo sabato sera, al culmine...

Meloni gira boa,rave benzinai Messina Denaro parole chiave 100 giorni

Battesimo tra guerra, economia, migranti, Pnrr, antimafia politica estera Roma, 29 gen. (askanews) - Domani il governo di Giorgia Meloni compie i primi 100 giorni.La...

A Palazzo Farnese la collezione haute couture di Sylvio Giardina

Presentazione tra arte e moda con un progetto site-specific Roma, 28 gen. (askanews) - Palazzo Farnese, sede dell'Ambasciata di Francia in Italia, ha aperto le...

FOTO | VIDEO | Rugby, a Bologna arriva il ‘codice etico’ (che vale anche per i genitori)

BOLOGNA – In una delle sue più note definizioni il rugby è descritto come un “sport bestiale giocato da gentiluomini”. Del resto, nonostante la...

Muore neonato di 5 mesi: era stato dimesso dall’ospedale. La denuncia dei genitori

ROMA – Era stato visitato poche ore prima in ospedale per problemi respiratori, ma poi rimandato a casa. Ma nel giro di 24 ore,...

Potrebbero interessarti...