Torna la Notte dei musei, porte aperte anche a Montecitorio e Palazzo Madama

0
1
torna-la-notte-dei-musei,-porte-aperte-anche-a-montecitorio-e-palazzo-madama
Torna la Notte dei musei, porte aperte anche a Montecitorio e Palazzo Madama

ROMA -Dalle 20 e fino alle 2 (ultimo ingresso all’1), questa sera, sarà possibile visitare gratuitamente (o al costo simbolico di un euro) musei civici, università, accademie e ville, con spettacoli per tutta la notte: è la Notte europea dei musei 2024, che torna anche quest’anno in tutta Italia in contemporanea a tanti altri paesi europei. L’evento si celebra dal 200 ed è nata con l’intento di avvicinare il grande pubblico al patrimonio culturale.

Le aperture straordinarie saranno arricchite da eventi, spettacoli e iniziative organizzati in collaborazione con enti e associazioni, per far conoscere le attività degli Istituti e promuovere la conoscenza del patrimonio culturale in un’atmosfera particolarmente suggestiva.

Qui il PROGRAMMA COMPLETO delle aperture

A Roma resteranno aperti, insieme ai Musei, anche alcuni dei luoghi più prestigiosi della città come la Galleria Borghese, Palazzo Barberini il Pantheon, dove sono previste visite guidate. Aperti anche il Parco Archeologico dell’Appia Antica, la Galleria nazionale d’arte moderna e contemporanea, il Museo nazionale romano e il Parco Archeologico del Colosseo, con visita al Tempio di Venere e il Museo del Foro Romano.

In occasione della Notte dei musei 2024, è in programma un’edizione speciale di Montecitorio a porte aperte: alle 20 è previsto il il concerto della Banda dei Carabinieri e poi l’esibizione musicale dei giovani talenti del Teatro dell’Opera di Roma. Anche il Senato della Repubblica aderisce all’iniziativa: Palazzo Madama apre le porte al pubblico dalle 20 alle 24 per visite guidate.

L’articolo Torna la Notte dei musei, porte aperte anche a Montecitorio e Palazzo Madama proviene da Agenzia Dire.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it