mercoledì, Febbraio 21, 2024

Mps: in Borsa +3,1% con Deutsche Bank e attese per vendita quote Mef

Dopo i 90 giorni di lock-up il Tesoro ha...

Sardegna, Truzzu: noi con progetto, Pd-M5s insieme solo per batterci

Campo largo “esperimento che si è già rotto prima...

A Udine si parla di errori giudiziari con Angelo Massaro e “Peso morto”

Evento all’università con proiezione del docufilm e dibattito Udine, 21...

Meloni a Cgil Sardegna: norme su sicurezza lavoro lunedì in Cdm

“Lavoriamo insieme, ci sono proposte sindacato interessanti” Cagliari, 21 feb....

SIMEST, le nuove misure per le imprese colpite dall’alluvione

video newsSIMEST, le nuove misure per le imprese colpite dall'alluvione

Innovato il ‘Ristoro danni’, introdotto il ‘Ristoro fatturato

Roma, 23 nov. (askanews) – Da martedì 21 novembre, SIMEST – la Società del Gruppo Cassa Depositi e Prestiti che sostiene l’internazionalizzazione delle imprese italiane – ha innovato la misura “Ristoro danni” ed introdotto la nuova misura “Ristoro fatturato” per ampliare l’operatività dei Ristori da 300 milioni destinati alle imprese dell’Emilia-Romagna e territori limitrofi danneggiate dall’alluvione dello scorso maggio. Attiva già dallo scorso giugno a copertura dei danni materiali subiti da imprese esportatrici operanti nel territorio colpito dall’evento alluvionale, la misura ‘Ristoro danni’ è stata innovata ed efficientata.Andrea D’Aguanno, Responsabile Istruttoria Finanza Agevolata Centro Sud di SIMEST, ha dichiarato: “La principale innovazione è l’estensione della platea di beneficiari alle imprese di tutte le dimensioni. Inoltre, è stata ridotta la soglia del fatturato export necessario per accedere al contributo, dal 10% al 3%. Infine, l’importo massimo del contributo è passato da 1,5 milioni di euro a 5 milioni di euro”. È stata resa attiva, invece, dal 21 novembre la nuova misura ‘Ristoro fatturato’ per indennizzare tutte le imprese, con eccezione delle aziende operanti in agricoltura, silvicoltura e pesca, che abbiano subìto una sospensione totale o parziale dell’attività a seguito dell’alluvione.”Si tratta di un contributo a fondo perduto per le imprese di tutte le dimensioni che abbiano registrato una riduzione del reddito a seguito degli eventi alluvionali del maggio scorso” – prosegue Andrea D’Aguanno – “La misura è destinata alle aziende che abbiano una sede operativa o un’unità locale nei territori colpiti dall’alluvione. Inoltre, per accedere al contributo, è necessario avere un fatturato estero pari al 3% ed aver depositato gli ultimi cinque bilanci presso il registro delle imprese. Ulteriore requisito necessario è aver ricevuto una certificazione da un revisore dei conti. L’importo massimo del contributo è di 5 milioni di euro”. Le novità introdotte da SIMEST, attuate in sinergia con le indicazioni del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI), completano l’attuazione del pacchetto speciale di misure di finanza agevolata predisposto, proprio dalla Farnesina insieme a SIMEST, per sostenere le aziende esportatrici colpite dall’alluvione dello scorso maggio.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles