martedì, Marzo 5, 2024

Il Regno Unito esorta la Germania a fornire missili a lungo raggio all’Ucraina

Ma Scholz esclude invio Taurus: “Sono cancelliere, mia parola...

Trump vince caucus nel North Dakota, oggi negli Usa è il Super Tuesday

Ex presidente è stato sdoganato dalla Corte SupremaMilano, 5...

Gli Houthi hanno colpito con un missile balistico una nave portacontainer MSC

Causando “danni”, secondo Comando centrale americano (Centcom) Milano, 5 mar....

Il 12 aprile a Pozzuoli consegna Premio Nazionale “Giuseppe Salvia”

II edizione presso l’Accademia Aeronautica Militare Italiana Milano, 5 mar....

Bernardi (Illumia): fine mercato tutelato è opportunità risparmio

video newsBernardi (Illumia): fine mercato tutelato è opportunità risparmio

“Abbiamo aspettato dieci anni, possiamo aspettare ancora un mese”

Bologna, 14 dic. (askanews) – Per la cessazione del mercato tutelato, cioè quelle forniture di energia elettrica e gas naturale con prezzi e condizioni contrattuali definite dall’autorità per l’energia, “abbiamo aspettato dieci anni e possiamo aspettare un altro mese” però “è importante che si svolgano le aste” annunciate in Gazzetta ufficiale per il 10 gennaio “perché veicolano un’importante opportunità di risparmio per tutti i consumatori italiani”. Lo ha detto Marco Bernardi, presidente di Illumia, family business che opera nel mercato libero dell’energia elettrica con sede a Bologna, ricordando che “nonostante i ritardi” il mercato italiano è il “più evoluto in ambito europeo”.”Il mercato dell’energia elettrica aveva un appuntamento l’11 dicembre per l’ultima finestra di apertura alla liberalizzazione con una gara indetta da Arera e del ministero” dell’Ambiente e della sicurezza energetica. “Il weekend precedente a questa data – ha spiegato Bernardi – il decreto pubblicato in Gazzetta ci ha dato la sorpresa comunicando che l’appuntamento è stato rimandato di un mese, quindi il 10 gennaio 2024. Non ci scandalizziamo, abbiamo aspettato dieci anni e possiamo aspettare un altro mese, l’importante è che queste aste si svolgano perché veicolano un’importate opportunità di risparmio per tutti i consumatori italiani”.”Bisogna dare atto al mercato italiano, nonostante tutti i ritardi, le goffaggini e le proroghe per le quali chiediamo alla politica di correggerli – ha concluso il presidente di Illumia -, di essere il più evoluto in ambito europeo. Noi di Illumia abbiamo realtà sia in Francia che in Spagna e notiamo che il percorso di liberalizzazione è comunque più indietro. Quindi abbiamo aspettato tanto tempo, aspetteremo un altro mese, ma di sicuro l’Europa dovrà prendere spunto per sviluppare processi di liberalizzazione allo stesso modo”.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles